Metti questa pagina nei preferiti
Salva icona sul telefono

Impatto della FA

La FA aumenta il rischio di complicanze mortali come ictus, infarto e insufficienza cardiaca. Il tasso di mortalità nei pazienti con FA è del 46% maggiore rispetto a individui che non ne soffrono.5,6

Fino al 47% dei pazienti con FA riferisce una ridotta qualità della vita, il 25% un’interruzione delle attività quotidiane e il 19% accusa problemi funzionali.4,7,8 Curare un paziente con FA può essere pesante e i caregiver subiscono considerevoli disagi nella loro vita, come problemi di orario e oneri finanziari.11,12

vivere con fibrillazione atriale

Sfida di salute pubblica

La FA è la forma più comune di aritmia cardiaca e sta diventando una delle sfide più significative e importanti per la sanità pubblica.1 In Italia 1,1 milioni di persone ne sono colpite e ogni anno si aggiungono 81.907 nuove diagnosi.2,32

La FA ha un impatto significativo sulla qualità della vita dei pazienti. Una simile riduzione qualitativa è riscontrabile in pazienti con coronaropatia, insufficienza cardiaca congestizia e precedenti di infarto. Nei pazienti con FA il rischio di mortalità è più alto del 46% rispetto a quelli normali.5,6

Fino al 47% dei pazienti con FA ha riferito una ridotta qualità della vita, il 25% un’interruzione delle attività quotidiane e il 19% accusa problemi funzionali.4,7,8 Nei pazienti con FA, ci sono svariati fattori che fungono da fardello. Date un’occhiata all’immagine per comprendere ciascun fattore. 

Col progredire della malattia è probabile che i pazienti sperimentino gravi problemi di mobilità, incapacità di autogestirsi, aumento del dolore e della sofferenza oltre ad ansia e depressione.9 Il distress psicologico che può comprendere ansia e/o depressione, ha il potenziale per aumentare sia la mortalità che la morbilità nei pazienti con FA.9

vivere con fa

Qual è l’impatto sui famigliari?

Prendersi cura di un parente con FA può essere pesante.11,12 Il 63% dei pazienti anziani e l’80 di quelli in convalescenza dopo un ictus11,12 hanno bisogno di determinate forme di cura come ad esempio il monitoraggio di eventuali segni di emorragia o la medicazione di ferite aperte, tra le altre.13

I caregiver dei pazienti con FA sperimentano cambiamenti considerevoli nella propria vita, compresi scombussolamento degli orari, problemi finanziari, mancanza di sostegno famigliare e problemi di salute. In questo caso, diventano ad alto rischio di esaurimento quando:11,14

Il carico sul caregiver può portare a un sostegno meno adeguato al paziente, stress fisico ed emotivo, esaurimento del caregiver stesso e a scarsi risultati nel paziente.13 Oltre il 40% dei pazienti di ictus cambia caregiver entro il terzo mese di guarigione.11

fibrillazione cardiaca

Qual è l’impatto dell’ictus sulla qualità della vita?

L’ictus è potenzialmente una delle peggiori conseguenze della FA. Può causare danni significativi alle funzioni fisiche, psicologiche e sociali.15 Dopo un ictus si possono avere limitazioni importanti come paralisi, depressione, cambio di personalità, problemi di comunicazione, ansia, perdita di memoria e danni cognitivi.15

Il 30% dei pazienti che ha subìto un ictus, ne avrà un secondo con un tasso di rischio nove volte più alto rispetto alla popolazione in generale.16 L’ictus tra i pazienti con FA è tipicamente più grave e devastante rispetto a chi non soffre di questa condizione.17,18

frequenza cardiaca

Come influisce la cura della FA sulla qualità della vita?

I farmaci antiaritmici possono causare significativi effetti collaterali comprese interazioni tra farmaci e battito irregolare, che non verrebbe distinto dalla stessa FA.19,20 Le preoccupazioni per questi effetti possono contribuire all’ansia del paziente e quindi riflettersi sulla qualità della sua vita.21,22,23,24

Per quanto riguarda la cura per l’ictus, anche se la terapia orale anticoagulante (OAC) ne riduce il rischio e prolunga la vita, nei pazienti con FA aumenta il rischio di emorragie.25,26,27,28 La terapia OAC può anche rivelarsi pesante per alcuni, dato che richiede visite frequenti e regolari in ospedale per monitorare e ottimizzare il dosaggio29,30,31 e può far interrompere le attività quotidiane.30,31

vivere con fa

La Fibrillazione Atriale: L’epidemia Del Terzo Millennio
Product Description text

La FA è considerata l’epidemia del nuovo millennio, colpisce milioni di vite, soprattutto persone di mezz’età e anziani. Guarda il video per comprendere la portata di tale onere. 

Una relazione della AF Association Global in occasione dell’AF Aware Week sottolinea che la Fibrillazione Atriale è uno dei problemi di salute più significativi. Potete scaricare il documento intero in italiano!

Product Image
FA

Riferimenti

1. Lip GYH, et al. (2016) Atrial Fibrillation. Nature Reviews, Disease Primers. Vol. 2. doi:10.1038/nrdp.2016.16 . Published online 31 March 2016. 2. Global Burden of Disease Collaborative Network (2016) Global Burden of Disease Study 2016 (GBD 2016) Results. Seattle, United States: Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME), 2017. Accessed 2018-04-20. Available from http://ghdx.healthdata.org/gbd-results-tool. 3. Thrall G, Lane D, Carroll D, Lip GY (2006) Quality of life in patients with atrial fibrillation: a systematic review. Am J Med 119 (5): 448.e441-419. 4. Dorian P, Jung W, Newman D, Paquette M, Wood K et al. (2000) The impairment of health-related quality of life in patients with intermittent atrial fibrillation: implications for the assessment of investigational therapy. J Am Coll Cardiol 36 (4): 1303-1309. 5. Odutayo A, Wong CX, Hsiao AJ, Hopewell S, Altman DG et al. (2016) Atrial fibrillation and risks of cardiovascular disease, renal disease, and death: systematic review and meta-analysis. Bmj 354 i4482. 6. Boriani G, Proietti M (2017) Atrial fibrillation prevention: an appraisal of current evidence. Heart (0):1–6. 7. van den Berg MP, Hassink RJ, Tuinenburg AE, van Sonderen EF, Lefrandt JD et al. (2001) Quality of life in patients with paroxysmal atrial fibrillation and its predictors: importance of the autonomic nervous system. Eur Heart J 22 (3): 247-253. 8. Roalfe AK, Bryant TL, Davies MH, Hackett TG, Saba S et al. (2012) A cross-sectional study of quality of life in an elderly population (75 years and over) with atrial fibrillation: secondary analysis of data from the Birmingham Atrial Fibrillation Treatment of the Aged study. Europace 14 (10): 1420-1427. 9. Dudink E, Erkuner O, Berg J, Nieuwlaat R, de Vos CB et al. (2017) The influence of progression of atrial fibrillation on quality of life: a report from the Euro Heart Survey. Europace. 10. Aliot E, Botto GL, Crijns HJ, Kirchhof P (2014) Quality of life in patients with atrial fibrillation: how to assess it and how to improve it. Europace 16 (6): 787- 796. 11. Oliva-Moreno J, Pena-Longobardo LM, Mar J, Masjuan J, Soulard S et al. (2018) Determinants of Informal Care, Burden, and Risk of Burnout in Caregivers of Stroke Survivors: The CONOCES Study. Stroke 49 (1): 140-146. 12. Chen SY, Vanderpoel J, Mody S, Nelson WW, Schein J et al. (2012) Caregiver assistance among Medicare beneficiaries with atrial fibrillation and factors associated with anticoagulant treatment. Am J Geriatr Pharmacother 10 (5): 273-283. 13. Ferguson C, Inglis SC, Newton PJ, Middleton S, Macdonald PS et al. (2015) The caregiver role in thromboprophylaxis management in atrial fibrillation: a literature review. Eur J Cardiovasc Nurs 14 (2): 98-107. 14. Coleman CI, Coleman SM, Vanderpoel J, Nelson W, Colby JA et al. (2012) Factors associated with ‘caregiver burden’ for atrial fibrillation patients. Int J Clin Pract 66 (10): 984-990. 15. Lo Buono V, Corallo F, Bramanti P, Marino S (2017) Coping strategies and health-related quality of life after stroke. J Health Psychol 22 (1): 16-28. 16. Burn J, Dennis M, Bamford J, Sandercock P, Wade D et al. (1994) Long-term risk of recurrent stroke after a first-ever stroke. The Oxfordshire Community Stroke Project. Stroke 25 (2): 333-337. 17. Hannon N, Sheehan O, Kelly L, Marnane M, Merwick A et al. (2010) Stroke associated with atrial fibrillation--incidence and early outcomes in the north Dublin population stroke study. Cerebrovasc Dis 29 (1): 43-49. 18. Andrew NE, Thrift AG, Cadilhac DA (2013) The prevalence, impact and economic implications of atrial fibrillation in stroke: what progress has been made? Neuroepidemiology 40 (4): 227-239. 19. Kirchhof P, Benussi S, Kotecha D, Ahlsson A, Atar D et al. (2016) 2016 ESC Guidelines for the management of atrial fibrillation developed in collaboration with EACTS. Eur Heart J 37 (38): 2893-2962. 20. Dan GA, Martinez-Rubio A, Agewall S, Boriani G, Borggrefe M et al. (2018) Antiarrhythmic drugs-clinical use and clinical decision making: a consensus document from the European Heart Rhythm Association (EHRA) and European Society of Cardiology (ESC) Working Group on Cardiovascular Pharmacology, endorsed by the Heart Rhythm Society (HRS), Asia-Pacific Heart Rhythm Society (APHRS) and International Society of Cardiovascular Pharmacotherapy (ISCP). Europace. 21. Nazli C, Kahya Eren N, Yakar Tuluce S, Kocagra Yagiz IG, Kilicaslan B et al. (2016) Impaired quality of life in patients with intermittent atrial fibrillation. Anatol J Cardiol 16 (4): 250-255. 22. Aliot E, Botto GL, Crijns HJ, Kirchhof P (2014) Quality of life in patients with atrial fibrillation: how to assess it and how to improve it. Europace 16 (6): 787- 796. 23. Serpytis R, Navickaite A, Serpytiene E, Barysiene J, Marinskis G et al. (2018) Impact of Atrial Fibrillation on Cognitive Function, Psychological Distress, Quality of Life, and Impulsiveness. Am J Med. 24. Wang Y, Kong MC, Lee LH, Ng HJ, Ko Y (2014) Knowledge, satisfaction, and concerns regarding warfarin therapy and their association with warfarin adherence and anticoagulation control. Thromb Res 133 (4): 550-554. 25. Connolly SJ, Ezekowitz MD, Yusuf S, Eikelboom J, Oldgren J et al. (2009) Dabigatran versus warfarin in patients with atrial fibrillation. N Engl J Med 361 (12): 1139-1151.  26. Rocket AF Study Investigators (2010) Rivaroxaban-once daily, oral, direct factor Xa inhibition compared with vitamin K antagonism for prevention of stroke and Embolism Trial in Atrial Fibrillation: rationale and design of the ROCKET AF study. Am Heart J 159 (3): 340-347 e341. 27. Giugliano RP, Ruff CT, Braunwald E, Murphy SA, Wiviott SD et al. (2013) Edoxaban versus warfarin in patients with atrial fibrillation. N Engl J Med 369 (22): 2093-2104. 28. Granger CB, Alexander JH, McMurray JJ, Lopes RD, Hylek EM et al. (2011) Apixaban versus warfarin in patients with atrial fibrillation. N Engl J Med 365 (11): 981-992. 29. Lane DA, Aguinaga L, Blomstrom-Lundqvist C, Boriani G, Dan GA et al. (2015) Cardiac tachyarrhythmias and patient values and preferences for their management: the European Heart Rhythm Association (EHRA) consensus document endorsed by the Heart Rhythm Society (HRS), Asia Pacific Heart Rhythm Society (APHRS), and Sociedad Latinoamericana de Estimulacion Cardiaca y Electrofisiologia (SOLEACE). Europace 17 (12): 1747-1769. 30. Suarez Fernandez C, Castilla-Guerra L, Cantero Hinojosa J, Surinach JM, Acosta de Bilbao F et al. (2018) Satisfaction with oral anticoagulants in patients with atrial fibrillation. Patient Prefer Adherence 12 267-274. 31. Ynsaurriaga FA, Peinado RP, Ormaetxe Merodio JM (2014) Atrial fibrillation and quality of life related to disease and treatment: focus on anticoagulation. Future Cardiol 10 (3): 381-393. 32. Zoni-Berisso M, Filippi A, Landolina M, Brignoli O, D'Ambrosio G et al. (2013) Frequency, patient characteristics, treatment strategies, and resource usage of atrial fibrillation (from the Italian Survey of Atrial Fibrillation Management [ISAF] study). Am J Cardiol 111 (5): 705-711.